torna alla home page

Languages IT EN DE

cerca
inserisci la parola
o la frase da cercare.

Città di Luino:

Matrimonio

stai navigando in:

Comune di Luino Matrimonio


Matrimonio
 
Matrimonio civile
 
 
Gli interessati si devono presentare presso l’Ufficiale dello Stato Civile del Comune di Residenza con un documento di riconoscimento valido. L’Ufficiale provvede direttamente all’acquisizione dei documenti necessari al matrimonio (Copia integrale dell’Atto di Nascita presso il Comune di nascita e Certificato di Residenza, Cittadinanza e Stato Libero presso il Comune di Residenza).


 

Una volta ottenuti tali documenti viene fissata la data del Consenso. Nell’occasione l’Ufficiale dello Stato Civile, alla presenza delle parti, redige un processo verbale dal quale risulta la volontà dei nubendi di sposarsi e l’assenza di impedimenti al matrimonio.


 

Un riassunto di tale processo verbale viene pubblicato all’Albo Pretorio dei Comuni di residenza dei nubendi per otto giorni consecutivi, cui seguono tre giorni per consentire la proposizione di eventuali opposizioni al matrimonio.


 

Decorsi i termini, i nubendi hanno sei mesi per sposarsi. La scadenza del termine senza che il matrimonio sia stato celebrato, comporta la necessità di rinnovare il consenso.


 

Matrimonio religioso
 
Anche per questa forma di matrimonio, resta ferma la parte relativa alle pubblicazioni da effettuare in Comune. Però le pubblicazioni civili devono essere richieste dal Parroco, a seguito del consenso al matrimonio religioso fatto presso di lui. Successivamente il Parroco riceve dal Comune il certificato di eseguite pubblicazioni e celebra il matrimonio. Di questo viene redatto un verbale che viene trasmesso al Comune per la trascrizione nei Registri dello Stato Civile.


 

  
Casi di impedimento al matrimonio:
  
    • minore età 

       

    • interdizione per infermità di mente
        
    • vincolo di precedente matrimonio
        
    • rapporti di parentela, affinità, adozione ed affiliazione
        
    • delitto consumato o tentato sul coniuge dell’altro
        
    • per la donna, non prima che siano decorsi 300 giorni dallo scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio