torna alla home page

Languages IT EN DE

cerca
inserisci la parola
o la frase da cercare.

Città di Luino:

stai navigando in:

Comune di Luino Enti controllati  Società partecipate


Società partecipate

 

Pubblicazione ai sensi dell'art. 22, comma 1, lettera a), e commi 2 e 3 del D.Lgs 33/2013 dell’elenco delle società di cui l'amministrazione detiene direttamente quote di partecipazione anche minoritaria, con l'indicazione dell'entità, delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate. Per ogni società sono pubblicati i dati relativi a: -  ragione sociale; - misura dell'eventuale partecipazione dell'amministrazione; - durata dell'impegno; - onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione; - numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo e trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante; - risultati di bilancio degli ultimi tre esercizi finanziari; - incarichi di amministratore della società e relativo trattamento economico complessivo. Sono inoltre previsti i collegamenti con i siti istituzionali delle società partecipate.

 

 

 Ragione sociale
ASPEM SPA
Misura dell'eventuale partecipazione societaria
 0,03%
Durata dell'impegno
 2028
Onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione
 
Numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo  e trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante
 Nessuno
Risultati di bilancio degli ultimi 3 esercizi finanziari
Anno 2012         € 8.586.312,00
Anno 2013         € 1.617.339,00
Anno  2014         € 1.890.712,00
Anno 2015
Anno 2016
 Incarichi di amministratore della società e relativo trattamento economico complessivo
Malnati William             Presidente       € 44.443,00
Fabio Franco                Consigliere      € 7.143,00
Magni Emilio                Consigliere       € 7.143,00
Torelli Pierpaolo           Consigliere       € 7.143,00
Giupponi Rita Daniela    Consigliere      € 7.143,00
Benedetti Maddalena    Consigliere       € 7.143,00
Forleo Francesco         Amministratore Delegato       non disponibile
Dichiarazione sull'insussistenza d una delle cause di inconferibilità dell'incarico (link al sito dell'ente)
 
Dichiarazione sull'insussistenza di una delle cause di incompatibilità al conferimento dell'incarico (lik al sito dell'ente)
 

 

  Per la società Aspem spa si precisa che la pubblicazione dei dati non è obbligatoria trattandosi di società controllata da A2A Spa, società quotata ai sensi dell'art.22, comma 6, del D.Lgs 33/2013.

 

Ragione sociale
VERBANO SPA
Misura dell'eventuale partecipazione societaria
12,13%
Durata dell'impegno
2050
Onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione
Anno 2015     € 651.070,00
Numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo e trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante
Nessuno
Risultati di bilancio degli ultimi 3 esercizi finanziari
Anno 2012       - € 130.146,00
Anno 2013         € 24.186,00
Anno 2014         € 6.896,00
Anno 2015
Anno 2016 
Incarichi di amministratore della società e relativo trattamento economico complessivo

Dichiarazione sull'insussistenza d una delle cause di inconferibilità dell'incarico (link al sito dell'ente)

Dichiarazione sull'insussistenza di una delle cause di incompatibilità al conferimento dell'incarico (lik al sito dell'ente)

  

Ragione sociale
 Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento Spa
Misura dell'eventuale partecipazione societaria
0,13
Durata dell'impegno
2050
Onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione
Nessuno
Numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo e trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante
Nessuno
Risultati di bilancio degli ultimi 3 esercizi finanziari
 Anno 2012        € 142.334,00
Anno 2013         € 139.110,00
Anno 2014         € 119.969,00
Anno 2015
Anno 2016  
Incarichi di amministratore della società e relativo trattamento economico complessivo
Montonati Mario            Presidente          € 0,00
Locorotondo Stefano     Consigliere         € 0,00
Ferrazzi Andrea            Consigliere         € 0,00
Sandroni Piero              Consigliere        € 0,00
Pavanini Italo                Consigliere        € 36.000,00
Dichiarazione sull'insussistenza d una delle cause di inconferibilità dell'incarico (link al sito dell'ente)

Dichiarazione sull'insussistenza di una delle cause di incompatibilità al conferimento dell'incarico (lik al sito dell'ente)

  

Ragione sociale
 Alfa Società a responsabilità limitata (o, in forma abbreviata, Alfa S.r.l.)
Misura dell'eventuale partecipazione societaria
1,3%
Durata dell'impegno
2050
Onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione
Anno 2015        € 521,74
Numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo e trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante

Risultati di bilancio degli ultimi 3 esercizi finanziari

Incarichi di amministratore della società e relativo trattamento economico complessivo

Dichiarazione sull'insussistenza d una delle cause di inconferibilità dell'incarico (link al sito dell'ente)

Dichiarazione sull'insussistenza di una delle cause di incompatibilità al conferimento dell'incarico (lik al sito dell'ente)

  

La società Alfa srl è stata costituita il 10.06.2015 ed operativa dal 01.02.2016. La quota di € 521,74.= è la quota di adesione societaria

 

Collegamento con i siti istituzionali delle società partecipate.

ASPEM S.p.A.
Società per il risanamento e la salvaguardia dei bacini della sponda orientale del Verbano S.p.A.
Centro tessile cotoniero e abbigliamento S.p.A.

Alfa srl

 

 Archivio (al 02.03.2017)

 Elenco società partecipate (dati aggiornati al 29.02.2016)

 

Elenco società partecipate (archivio)
 

Relazioni ex art. 34 DL 179/2012
Pubblicazione ai sensi dell'art. 34 comma 20 e 21 del DL 179/2012
Normativa:
Art. 34 comma 20 e 21 del DL 179/2012
20. Per i servizi pubblici locali di rilevanza economica, al fine di assicurare il rispetto della disciplina europea, la parita' tra gli operatori, l'economicita' della gestione e di garantire adeguata informazione alla collettivita' di riferimento, l'affidamento del servizio e' effettuato sulla base di apposita relazione, pubblicata sul sito internet dell'ente affidante, che da' conto delle ragioni e della sussistenza dei requisiti previsti dall'ordinamento europeo per la forma di affidamento prescelta e che definisce i contenuti specifici degli obblighi di servizio pubblico e servizio universale, indicando le compensazioni economiche se previste.
21. Gli affidamenti in essere alla data di entrata in vigore del presente decreto non conformi ai requisiti previsti dalla normativa europea devono essere adeguati entro il termine del 31 dicembre 2013 pubblicando, entro la stessa data, la relazione prevista al comma 20.
Per gli affidamenti in cui non e' prevista una data di scadenza gli enti competenti provvedono contestualmente ad inserire nel contratto di servizio o negli altri atti che regolano il rapporto un termine di scadenza dell'affidamento. Il mancato adempimento degli obblighi previsti nel presente comma determina la cessazione dell'affidamento alla data del 31 dicembre 2013.

Relazioni pubblicate: Relazione ex art. 34 pubblicata dal 12.11.2014, Società per il risanamento e la salvaguardia dei bacini della sponda orientale del Verbano spa


Piano di Razionalizzazione delle società partecipate (art1, comma 612 della legge 190/2014).

Inviato alla Corte dei Conti Lombardia il 31.03.2016 con Pec prot. n.7824.

Relazione al Piano di Razionalizzazione delle società partecipate.

Provvedimento sindacale di approvazione.


Inviato alla Corte dei Conti Lombardia il 13.04.2015 con Pec prot. n.9283.

Piano di Razionalizzazione delle società partecipate.

Relazione Tecnica.

Provvedimento sindacale di approvazione n.81 del 13.04.2015.


Riferimenti normativi

LEGGE 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015) (G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014 - Suppl. Ordinario n. 99)

611. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 3, commi da 27 a 29, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e successive modificazioni, e dall'articolo 1, comma 569, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, e successive modificazioni, al fine di assicurare il coordinamento della finanza pubblica, il contenimento della spesa, il buon andamento dell'azione amministrativa e la tutela della concorrenza e del mercato, le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano, gli enti locali, le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, le università e gli istituti di istruzione universitaria pubblici e le autorità portuali, a decorrere dal 1º gennaio 2015, avviano un processo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute, in modo da conseguire la riduzione delle stesse entro il 31 dicembre 2015, anche tenendo conto dei seguenti criteri:

a) eliminazione delle società e delle partecipazioni societarie non indispensabili al perseguimento delle proprie finalità istituzionali, anche mediante messa in liquidazione o cessione;

b) soppressione delle società che risultino composte da soli amministratori o da un numero di amministratori superiore a quello dei dipendenti;

c) eliminazione delle partecipazioni detenute in società che svolgono attività analoghe o similari a quelle svolte da altre società partecipate o da enti pubblici strumentali, anche mediante operazioni di fusione o di internalizzazione delle funzioni;

d) aggregazione di società di servizi pubblici locali di rilevanza economica;e) contenimento dei costi di funzionamento, anche mediante riorganizzazione degli organi amministrativi e di controllo e delle strutture aziendali, nonché attraverso la riduzione delle relative remunerazioni.

612. I presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano, i presidenti delle province, i sindaci e gli altri organi di vertice delle amministrazioni di cui al comma 611, in relazione ai rispettivi ambiti di competenza, definiscono e approvano, entro il 31 marzo 2015, un piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute, le modalità e i tempi di attuazione, nonché l'esposizione in dettaglio dei risparmi da conseguire. Tale piano, corredato di un'apposita relazione tecnica, è trasmesso alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicato nel sito internet istituzionale dell'amministrazione interessata. Entro il 31 marzo 2016, gli organi di cui al primo periodo predispongono una relazione sui risultati conseguiti, che è trasmessa alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicata nel sito internet istituzionale dell'amministrazione interessata. La pubblicazione del piano e della relazione costituisce obbligo di pubblicità ai sensi del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.