torna alla home page

Languages IT EN DE

cerca
inserisci la parola
o la frase da cercare.

Città di Luino:

stai navigando in:

Comune di Luino Altri contenuti - Dati Ulteriori.  Controlli sulle imprese


Controlli sulle imprese

 

 

Pubblicazione ai sensi dell’articolo 25 del D.Lgs. 33/2013 "Decreto Trasparenza" dell’elenco delle tipologie di controllo a cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attività, con indicazione per ciascuna di esse dei criteri e delle relative modalità di svolgimento, e dell’elenco degli obblighi e degli adempimenti oggetto delle attività di controllo che le imprese sono tenute a rispettare per ottemperare alle disposizioni normative.


Documento informativo in merito ai controlli  cui sono assoggettate le imprese operanti nel territorio comunale in ottemperanza all'art. 25 del Decreto Legislativo 14.03.2013 n. 33 

 
L’Amministrazione Comunale di Luino rende noto che gli organi di vigilanza dipendenti, in particolare gli addetti al Corpo di Polizia Locale, espletano i controlli alle imprese operanti nel territorio.
Oggetto dei controlli è la verifica della conformità delle attività esercitate a quanto autorizzato, ovvero contenuto nelle dichiarazioni rilasciate dagli imprenditori negli atti sostitutivi delle licenze per l’esercizio dell’attività, nonché del rispetto delle prescrizioni normative in particolare in materia di pubblica incolumità, igiene e salute pubblica e tutela della quiete pubblica individuate dal legislatore con leggi e regolamenti specifici per ogni settore di attività, che data la loro molteplicità, non è possibile enucleare dettagliatamente.
In generale si evidenzia che, qualora l’attività sia esercitata all’interno di locali, occorre che questi abbiano l’idonea destinazione d’uso così come, nel caso di attività potenzialmente lesive della salute pubblica od in quelle in cui vi sia manipolazione di alimenti e bevande, o comunque oggetti che possano venire direttamente a contatto con l’utenza, quali forbici pettini e simili, occorre il possesso di autorizzazioni sanitarie ovvero di atti equipollenti quali autocertificazioni denominate notifiche sanitarie.
Per alcune attività che richiedono particolari competenze professionali, quali quelle dei servizi alla persona, pubblici esercizi, addetti alla sicurezza e simili, può essere richiesto il possesso di particolari requisiti soggettivi quali il conseguimento di attestati professionali o speciali abilitazioni; in ogni caso è sempre necessaria, per il titolare e, ove richiesto, per il responsabile tecnico, la preventiva iscrizione al registro delle imprese, l’assenza di precedenti penali specifici ovvero l’assenza di cause ostative all’esercizio della professione.
Normalmente le attività sono libere ma, per determinate categorie di professioni, stante la peculiarità del servizio offerto, può essere stabilito un contingente numerico, ad esempio per le attività di trasporto pubblico, piazze farmaceutiche e simili.
Qualora l’attività debba essere svolta in forma itinerante occorre informarsi sulle aree interdette per particolari motivi viabilistici, igienico sanitari, paesaggistici o di interesse storico mentre, qualora la stessa si esplichi con occupazione di suolo pubblico è necessaria il preventivo ottenimento della concessione di suolo pubblico ed al pagamento della relativa tassa.
In caso di attività potenzialmente lesive per la sicurezza delle persone possono essere necessari i relativi atti autorizzativi rilasciati dal Comando dei Vigili del Fuoco ovvero dalle Commissioni di Vigilanza.
Poiché quasi tutte le attività di impresa necessitano quantomeno della preventiva dichiarazione di inizio attività, attualmente denominata Segnalazione Certificata di Inizio Attività, da presentarsi al Comune si consiglia, prima di intraprendere qualunque attività imprenditoriale, di prendere contatto con lo Sportello Unico delle Attività Produttive comunale per ottenere ragguagli in merito all’esercizio che si intende avviare ovvero alle iniziative che si vogliono adottare.